16 commenti su “Centro Metropoli (con danno)

  1. Ciao, mi spiace per l’auto e grazie per l’info sul Metropoli,pensa ogni tanto ci vado, io non abito distante da quel centro, ma non avevo fatto caso alla presenza delle colonnine. Peccato che abbiamo messo quel tipo di prese, ma mettiamola cosi’, se ci vado con lo scooter non avro” bisogno di ricaricare visto che sono vicino. Resta il fatto che piu’ si va avanti e piu’ diventa una giungla ricaricare, tra prese diverse, approcci diversi del centro commerciale , macchine non EV parcheggiate indebitamente etc. Complimenti per la costanza!

    Cris

  2. Mi spiace per la carrozzeria!

    La tipo 3C, secondo me, diventerà tipo 2, come nelle altre colonnine Scame che hai recensito.
    Circa il fatto che si può usare una presa alla volta è una questione di prestazioni, quindi di costi.
    Ciao

    • Dici è solo un problema di costi? Be’ immagino che la Mennkies costi veramente tanto (si vede è bella pienotta e poi ci saranno le licenze da pagare) ma la shuko la si dovrebbe trovare a 3 euro (che però può costare di più se si implementa un sistema di tenuta, secondo me inutile se in un posto non sulla strada)…. poi ovviamente avrà anche un costo il software che sa gestire 2 prese invece di una.

  3. Be’, il consiglio è quello di portarsi sempre addietro anche un adattatore scame/shuko.
    Comunque come dici tu, ci vorrebbe un po’ di linee guida e chiarezza, ognuno fa quel che vuole e nessuna soluzione mi sembra realmente comoda ed ottimale (persino nell’hardware): il sospetto è che chi progetta questi sistemi non sappia realmente niente di mobilità elettrica (ignorando completamente le prese o facendo prove sul campo di quando sia veramente frustrante dover chiedere i pass e poi restituirli o trovarsi i parcheggi occupati).

  4. Ciao Stefano, cia a tutti,
    Ho finalmente ricevuto la tessera e-moving… sabato 11 andrò a “prendere” (in prova) la tanto desiderata leaf…
    Se qualcuno fosse interessato ad acquistare una leaf sfidando il mondo intero le mogli il governo, ecc. io ho avuto un prezzo estremamente interessante sul modello attuale che cambia di poco da quello che verrà proposto dall’Inghilterra.
    Stefano, per favore mi dici quali adattatori devo prendere per non trovarmi nelle canne all’ultimo momento? Grazie.
    Paolo

    • SPINE DA AVERE ADDIETRO?
      Sicuramente non ti può mancare la TIPO 3A (Scame Libera) che è in Italia è la più diffusa anche se è appena stata dichiarata ‘morta’, ma conviene averla e come default.
      Poi ci vuole anche una shuko ed un adattatore da industriale a shuko (ovviamente industriale da 220, cioè blu) questo perchè i non dedicati (hotel, amici, officine) quelle hanno.
      Infine, per il futuro, la Tipo 2 Mennkies che è l’unica presa seria.
      La Mennekies la usa fra gli altri A2A (e ci mancherebbe!) ma anche iper e carrefour (ma non ikea!).
      Con la Leaf mi pare diano di serie proprio la Tipo 2.
      Infine segnalo che la LEAF accetta anche corrente continua tramite la presa CHDEMO di cui è fornita (e la CHDEMO permette anche la carica fast!).
      Ma mi sembra di capire che il cavo costi veramente molto (attorno ai 600 euro!) e qua in Lombardia c’e’ una sola colonnina sulla A8 (c’e’ un mio post al riguardo), quindi io almeno per ora eviterei di prendere tal cavo…

  5. Io vorrei aprire un club dei ” matti” elettroutenti (mi permetto di dire matti perchè sono uno psicologo…), se qualcuno fosse interessato a condividere questa follia… Attendo risposte.
    Paolo

  6. Ciao, sono quelllo che ti ha segnalato la nuova colonnina del Metropoli…mi spiace dell’inconveniente panettone…mi sento un po’ in colpa 😦
    Prendila così: quello di rischiare è il destino dei pionieri!
    Riguardo alle prese ricordiamo che ad inizio anno la Commissione Europea ha indicato nel tipo 2 (Mennekes) lo standard di connettore di ricarica europeo. Come dire…la strada è segnata!
    Buona ricarica!

    • No, ma che ti senti in colpa?
      Dovresti sentirti in colpa se sei stato tu a mettere quei panettoni!
      Tu o non tu, prima o poi ci sarei passato ed il danno era dunque solo rimandato.
      Poi a due giorni di distanza (visto che fra l’altro piove molte) i segni sono quasi passati tutti ed il grigio dell’auto maschera anche bene i segni.

      Ci fossero poi quelli che segnalano le nuove colonnine!

  7. Pingback: CC Metropoli: nisba, se non c’e’ il direttore! | Problemi di ricarica da colonnine EV

  8. Buongiorno a tutti, sono sparito per un po ma eccomi qui dopo aver provato per una stettima la superba leaf gentilmente offertami dalla concessionaria nissan di lecco.
    La leaf è quello che promette, non di più, non di meno.
    osnago mortara (dove vivo), partito con una autonomia ipotetica di 165 km arrivato a destnazione con 25 km di autonomia…
    i km promessi , come peraltro ho letto su tutte le prove su internet non sono poi reali ma comunque 140 km te li garantisce e non sono pochi.
    certo in modalità eco e con il piede morbido 80 km/h al massimo, altrimenti scende in modo esponenziale…
    viaggi al freddo perchè se accendi il clima si mangia subito 10 km di autonomia, te li scala subito subito…
    il recupero è eccezionale, a differenza della prius ( che ho avuto), dove non devi frenare se no perdi il recupero ( almeno nella prima serie), nella leaf anche se fai una frenata decisa recuperi uguale.
    Comunque credo che a settembre la prenderò. per chi fosse indeciso in questo momento, siccome a fine estate esce quella nuova, viene data a prezzi davvero interessanti… Un saluto. Paolo

  9. Interessantissimo, la Leaf si conferma dunque la miglior auto!
    Mi piacerebbe sapere di più sulla frenata rigenerativa, se va proprio sempre ed in ogni condizione.

    • Assolutamente la migliore non so della zoe ma tiu obbligano alla wall station per cui spendi un sacco. la frenata è più importante nell’andatura eco in quella drive c’è ma meno significativa…

      • Bisognerebbe però chiarire questa cosa del wall box ‘obbligatorio’: non è la prima volta che la sento.
        Ma la Zoe non è proprio famosa (anche per) il famoso Cameleon, caricabatterie che dove lo attacchi lo attacchi e ricarica sempre l’auto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...